Lavori di completamento delle sale della Collezione Farnese, Museo Archeologico Nazionale, Napoli

Lavori di completamento delle sale della Collezione Farnese, Museo Archeologico Nazionale, Napoli

Lavori di completamento dell’allestimento delle sale della Collezione Farnese e di manutenzione straordinaria delle sale della Collezione “Gemme farnese”, Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

L’edificio dell’attuale Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN) fu iniziato nel 1585 per volere del viceré di Spagna don Pedro Giron che affidò i delicati lavori all’architetto Giovanni Vincenzo Casali. Durante il quinquennio 1610 – 1615 la struttura iniziale venne trasformata dall’architetto Giulio Cesare Fontana, ma il progetto non fu mai terminato (ad eccezione per l’ala occidentale ed il corpo centrale).

La facciata era un continuo armonioso di finestre incorniciate e nicchie spezzato soltanto dai portoni, uno centrale e due laterali. La balaustrata in marmo e il corpo centrale del palazzo erano decorati da vasi, pinancoli e obelischi.

Nella seconda metà del XVIII secolo gli architetti Ferdinando Fuga e Pompeo Schiantarelli ampliarono e migliorarono il Palazzo degli Studi per ospitare il Museo universale in uso al Real Museo di Portici. In questi anni il palazzo fu spogliato di quasi tutte le sue sculture, avvicinandosi a quell'aspetto sobrio e compatto che ancora oggi lo caratterizza.

Durante il XIX secolo l'architetto Pietro Bianchi terminò il restauro e l’ampliamento dell'angolo nord-orientale dell’edificio. L’ultimo dettaglio fu la sistemazione della statua di Ferdinando I di Borbone, opera di Antonio Canova, nello  scalone monumentale del Museo.

Le fasi dei lavori

  • Manutenzione straordinaria agli impianti elettrici e realizzazione dell' illuminazione di accento con tecnologia “led” alle vetrine della sala Gemme Farnese;

  • Tinteggiature e relativa preparazione ai vari ambienti della collezione, sistemazione e coloritura infissi, realizzazione di ponteggio provvisionale a servizio del restauro del gruppo marmoreo del “Toro Farnese”;

  • Ricomposizione di alcune basi di sostegno delle Erme della collezione;

  • Chiodatura strutturale dell’arco di muratura del vano di passaggio tra la sala IX e X della collezione Gemme con iniezioni incrociate di resina e barre in vtr;

  • Manutenzione straordinaria di alcuni tratti di pavimentazione in marmo in vari ambienti;

  • Sostituzione, puntamento e regolazione degli apparecchi di illuminazione generale e di accento nelle sale della collezione.

Committente

Electa Spa -- Gruppo Mondadori

Tipologia di progetto

Impiantistica Tecnologica