Restauro conservativo del Parco Archeologico di Velia

Restauro conservativo del Parco Archeologico di Velia

Restauro conservativo del Parco Archeologico di Velia

Cenni Storici

L’antica città di Elea, che deriva il suo nome dalla sorgente locale Hyele, fu fondata intorno al 540 a.C. da un gruppo di esuli provenienti dalla città greca di Focea, nell’attuale Turchia, occupata dai Persiani.

La città, nota nel V sec. soprattutto per le figure di Parmenide e Zenone, fondatori della scuola filosofica eleatica, raggiunge un periodo di grande sviluppo in età ellenistica e in gran parte dell’età romana (fine IV a.C. – V sec. d.C.), quando il suo nome viene modificato in Velia.

Con il Medioevo l’abitato si ritira sull’Acropoli, dove viene costruito un castello. Le strutture architettoniche della città antica sono immerse in una vasta area di macchia mediterranea e di rigogliosi uliveti costituendo uno splendido connubio tra archeologia e natura.

Descrizione dell’intervento

Restauro conservativo del Parco Archeologico di Velia attraverso opere di ripristino delle coperture degli scavi con ampliamento delle stesse, restauro delle creste murarie e recupero di murature antiche, scavi archeologici.

Lavori realizzati:

  • Ripristino coperture scavi con ampliamento delle stesse
  • Restauro delle creste murarie e recupero di murature antiche
  • Scavi archeologici

Altre foto sulle fasi di lavorazione le trovi su Flickr

Link utili:

Elea Velia

Committente

Soprintendenza Archeologica della Campania

Tipologia di progetto

Restauro